Le 7 regole da seguire per farsi assumere

Le 7 regole da seguire per essere assunti nel 2019 - mmtraining.it

 

Ci sono diversi modi per farsi assumere nell’azienda e nella posizione a cui stai puntando da tanto tempo. Non sarà però facile raggiungere questo risultato se non si pone la massima attenzione ad alcuni aspetti fondamentali per essere pronti nei momenti giusti, durante il processo di selezione.

 

Ma quali sono questi aspetti? Quali sono gli elementi fondamentali per avere più chance?

Prima di elencare le regole da seguire per essere assunti, ci teniamo a specificare che il percorso di selezione non è necessariamente quello standard dove dapprima si manda un curriculum, poi si sostiene un primo, un secondo e forse anche un terzo colloquio di valutazione e poi finalmente si arriva alla proposta di assunzione.

Si può ottenere lo stesso risultato, cioè l’assunzione, anche attraverso il proprio network di conoscenze, tramite ad esempio pranzi di lavoro, eventi o fiere di settore che ci consentono di conoscere nuove persone che a loro volta ci possono presentare altre persone e così via. Qualsiasi sia il canale per sedersi al “tavolo del colloquio” l’importante è avere le idee chiare e dimostrare agli interlocutori, che dovranno decidere sul nostro futuro, la propria grinta e perseveranza nel voler ottenere proprio quel posto di lavoro.

 

Occasionalmente ci capita di colloquiare candidati che al termine dell’intervista dicono che non sono fortemente interessati all’offerta di lavoro che gli proponiamo, ma che sono in una fase esplorativa e vogliono solo capire che cosa può offrire loro il mercato. Come lo fanno con noi lo ripetono agli HR delle aziende con i quali entrano in contatto direttamente.

Oggigiorno è molto controproducente farlo.

L’offerta di personale è ai massimi storici e la mancanza di tempo da parte delle aziende è una condizione permanente. Quindi è rischioso presentarsi solo per valutare nuove possibilità perché potresti lasciare un imprinting negativo.  

 

Il colloquio oggi è una formula di investimento futuro.

Quindi massima energia! Se lasciamo un segno positivo nell’interlocutore, anche se non veniamo scelti, potremmo essere richiamati in futuro.

Ogni tanto durante i colloqui ricordiamo ai candidati il film di Will Smith – La ricerca della felicità – dove il protagonista per ottenere il posto di lavoro come broker presso una importante azienda d’affari, aspetta tutti i giorni all’entrata del palazzo uno dei dirigenti, per chiedergli la possibilità di essere preso in considerazione. Grazie alla sua perseveranza e alla sua capacità di chiudere il più alto numero di contratti con nuovi clienti, dopo sei mesi viene assunto e inizia un’ascesa professionale strepitosa che lo porterà a diventare un imprenditore di successo.

 

Quindi prima di tutto per essere assunti presso l’azienda dei vostri sogni bisogna dare il 100 % delle energie anche durante la fase di selezione. Bisogna trasmettere al Direttore del Personale e/o al proprio futuro capo che si è disposti a dare il massimo per raggiungere risultati ambiziosi.

Questa è la prima parolina magica: Risultati. Quindi si avranno più possibilità di essere assunti quanto più è alta la determinazione e la voglia di contribuire attivamente al benessere dell’azienda portando risultati concreti.

 

Dopo questa ampia premessa, passiamo adesso alle

7 regole che devi seguire per aumentare a dismisura le tue possibilità di una nuova assunzione.

 

  1. Grinta e determinazione

Ricordati che la concorrenza è agguerrita. Devi dimostrare ai tuoi interlocutori che sei affamato nel voler dare il tuo contributo. Fai emergere la passione per il prodotto o servizio che l’azienda vende, cerca di trovare connessioni con progetti, situazioni analoghe alla stessa realtà o lavoro che ti hanno reso vincente. La positività nel raccontare situazioni di successo e l’ottimismo che trasmetterai ti aiuterà ad essere più incisivo.

 

  1. Orientamento ai risultati

Mai come oggi la risorsa deve sentirsi ed essere parte integrante dell’azienda. Ogni collaboratore ha il dovere di remare nella stessa direzione con azioni concrete e quantificabili al fine di essere un elemento attivo che genera volume d’affari. Per essere assunti oggi non basta presentare solo le proprie competenze ma al contrario bisogna essere in grado di elencare l’insieme delle azioni che si è disposti a compiere per contribuire in maniera produttiva ai risultati della azienda.

Ricordando il film “La ricerca della felicità”, Will Smith accetta 6 mesi di stage non pagati, con l’obiettivo di chiudere un alto numero di contratti per dimostrare nuovamente, con determinazione e grinta, la grande volontà di entrare nella società.

 

  1. Ottimizzazione del tempo

Cerca le aziende che si legano ai tuoi bisogni e obiettivi professionali. Per fare questo è necessario studiare e analizzare il mercato del lavoro tramite diversi canali:

    1. La redazione di una social contact chain, in primis su linkedin
    2. Tramite ex colleghi e conoscenti che potrebbero dare indicazioni preziose sulle tue aziende target
    3. Essere attivi e ingaggiati nel tuo settore professionale, cioè partecipare ad eventi e/o fiere, seguire corsi di formazione ed aggiornamento, essere attivi nei forum e blog.

 

4. Un buon Biglietto da visita: il CV

Cerca di inserire informazioni chiare e sintetiche in maniera tale da suscitare il maggior interesse possibile ma anche la curiosità dei tuoi referenti, partendo sicuramente dal tuo progetto professionale. Cerca di personalizzare il Curriculum secondo le reali esigenze dell’azienda/posizione che hai selezionato.

Per saperne di più puoi fare due cose: prima di tutto corri a leggere il nostro articolo: >> Come rendere efficace il CV. E in secondo luogo finisci di leggere questo articolo, perché in fondo troverai il modo per avere una consulenza gratuita con me, Manuela Cortese, per sistemare il tuo CV.

 

  1. Marketing di se stessi con un buon progetto professionale

È di fondamentale importanza inserire la propria biografia per far comprendere in maniera chiara all’azienda il proprio percorso professionale, evidenziando:

    1. le tue qualità che hanno fatto la differenza,
    2. i risultati conseguiti nel percorso di carriera, possibilmente inserendo dei dati di crescita di fatturato – margine – volume di business – acquisizioni clienti – sviluppo di mercati – sviluppo e miglioramento di processi,
    3. e soprattutto chiarire qual è la direzione che vuoi prendere.

Gli stessi dati li andremo poi ad inserire su Linkedin per fare marketing di noi stessi.

 

  1. Analisi e feedback costruttivo post colloquio

Dopo qualsiasi colloquio di lavoro è di fondamentale importanza restituire un feedback positivo e costruttivo ai propri interlocutori. In altre parole bisogna abituarsi a tenere attivi i contatti sia che sfocino in un rapporto di collaborazione con l’azienda o meno, perché come abbiamo già ribadito quello che ad oggi può sembrare una “non riuscita” potrebbe in futuro essere il biglietto di ingresso.

 

  1. Creare un rapporto social con i miei interlocutori

Allenati ad individuare le figure di riferimento di aziende in target con le tue ambizioni professionali. Chiedi un contatto e successivamente presenta i progetti professionali che hai realizzato in linea con le caratteristiche della azienda. Presenta con grinta e determinazione le ragioni per le quali vuoi entrarci.

Non mandare il tuo CV ! Prima incuriosisci il tuo interlocutore in maniera tale da riuscire ad arrivare ad un incontro conoscitivo. Performerai più che ad un colloquio.

 

Già soltanto applicando queste semplici 7 regole siamo sicuri che otterrai grandi risultati nella ricerca del tuo prossimo lavoro.

Se però vuoi andare sul sicuro ed evitare di sprecare importanti opportunità lavorative, allora c’è un ulteriore passo che puoi compiere. E la cosa interessante è che non ti costerà neanche un euro.

 

Di cosa stiamo parlando?

Di una consulenza gratuita di 20 minuti con me, Manuela Cortese, focalizzata sul tuo CV.

 

In questa sessione andremo a vedere insieme il tuo curriculum, ti dirò cosa non funziona secondo la mia esperienza e ti consiglierò come sistemare il tuo CV per renderlo più performante.

Grazie a questa consulenza specifica e personalizzata sulla tua situazione particolare, ti aiuterò a trasformare il tuo CV in un ottimo biglietto da visita, capace di attirare i selezionatori e permetterti di ottenere quella fatidica chiamata per fissare un colloquio conoscitivo.

 

L’unico aspetto negativo?

Ci sono solo 20 posti.

 

Ci seguite in tantissimi e purtroppo non posso permettermi di dedicare più tempo a questa attività.

Quindi se non vuoi perdere l’opportunità di avere una selezionatrice con 20 anni di esperienza che ti aiuta a sistemare questo aspetto – fondamentale – per trovare un nuovo lavoro, non ti resta che una cosa da fare.

 

Clicca qui e prenota subito il tuo posto >> Consulenza gratuita CV.

 

_____________________________________

Autori:

Michele D’Adamo e Manuela Cortese

Written by 

Nasce come Responsabile Commerciale in aziende del territorio della provincia di Varese. L’esperienza nel mondo delle risorse umane inizia all’interno di alcune agenzie per il lavoro dapprima con il ruolo di Responsabile di Filiale successivamente in qualità di Key Account Manager. Durante questo percorso segue progetti di inserimento di personale su tutto il territorio nazionale con clienti direzionali e progetti relativi alla gestione di servizi di In Store Promotion e Mystery Shopping per alcune importanti realtà del mondo Retail e Grande Distribuzione. Nel 2011 fonda M&M Research, società di Ricerca, Selezione e Formazione del personale, in cui assume il ruolo di Consulente Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *